giovedì 25 ottobre 2007

I manuali di Eupls: come guardare la televisione



Nota informativa: questo manuale rientra nella categoria "manuali di pratica quotidiana". Fine della nota informativa.

Capitolo uno, introduzione:
Dal momento in cui Edison ebbe l'idea fulminante di fulminare elefanti, l'elettricità ha continuato nel tempo a fare si suoi danni fino a giungere nella nostra contemporaneità. Incrociato sulla sua strada tale John Logie Baird, l'elettricità si sposò con questi e la coppia generò la televisione: uno degli ultimi danni di cui siamo a conoscenza.
La televisione (da questo momento sarà solo TV, che io sono pigro) nasce con tutti i presupposti per cadere nell'oblio. Le prime trasmissioni erano una specie di ombre cinesi, solo che più brutte. Inoltre pensate che il povero Baird è l'unico britannico col nome lungo a non essere Sir. Questo ci dovrebbe bastare come dimostrazione che la TV a quei tempi era molto poco considerata.
Se il Baird non Sir se la fosse presa in saccoccia e non avesse continuato il suo lavoro, noi oggi non avremmo: Pippo Baudo, il Gabibbo,
la Carrà, i Pokemon, Mazzocchi ed ex presidenti del consiglio con manie di protagonismo ed eloquio impulsivo.

Capitolo due, perché farlo:
Guardare la TV non è solo un passatempo, ma è soprattutto un dovere. E' ad esempio è il modo più rapido e coinvolgente per informarsi riguardo le ultime releases delle Cognegarlascovattelappesca varie.
Potete inoltre sapere cosa c'è in offerta al supermercato sotto casa senza nemmeno dover scendere al supermercato o al limite nell'androne del palazzo a prendere il dépliant delle offerte.
Con la TV siete sempre informati riguardo a quella tre quarti di manzo carica di feromoni (una qualunque) ed i suoi partners. E stare dietro a roba simile non è facile.
Altra funzione è accendere la TV e piantarci davanti i vostri ragazzini per quasi un intera giornata, avendo come unico compito quello di nutrirli, pisciarli e cacarli; e mentre sono li, ogni tanto dategli anche qualche ceffone, sennò con tutta la TV che guardano crescono come capre e poi finiscono ad Uomini e Donne. Peggio ancora potrebbero iniziare a mangiarvi il divano.

Come se non bastasse, accendendo la TV e cercando il giusto programma potete anche imparare a cucinare, o al limite trovare un ottima scusa per sporcare la cucina senza un vero fine ultimo dal momento che l'ultima volta che avete usato una padella era quando non trovavate il martello. Lo avevate usato per rompere le noci e lo avete distrattamente buttato via con i gusci. Lo schiaccianoci si era rotto quando lo avete usato per stapparvi una birra. Insomma, dovreste proprio imparare a vivere in casa, ma ci penseremo poi.
Per finire la carrellata, la TV è utile anche per avere notizie di parte di tutto quel mondo che freme per farvi sapere cosa accade su di lui e che voi vi intestardite ad ignorare per seguire Un posto al sole. Non si fa così, il mondo vuol'essere capito e la TV vuole essere vista tutta, altrimenti possiamo anche buttare a mare i palinsesti e tornare ad un singolo canale. Ma perché questo non accada da oggi c'è questo manuale.

Capitolo tre, come farlo:

-Primo passo per diventare un buon usufruitore di TV è quello di stilare un orario con i programmi che assolutamente non potete perdere.
Oltre alle banali rubriche di cucina, cinema, spettacolo ed altre oscenità varie voi focalizzerete la vostra attenzione sui programmi di approfondimento amatoriale. Questi indispensabili show vi forniranno con puntualità, qualsivoglia opinione su qualsiasi argomento inerente la società e l'inciviltà di cui vi è pregna. Se non sapete distinguerli da una pubblicità o da una puntata di Uomini e Donne, la cosa è semplice. Il fattore che vi permetterà questo discernimento sono gli opinionisti. Di solito per vestire i panni dei saccenti, vengono chiamati personaggi dello spettacolo che hanno già appeso il sorriso al chiodo e a volte l'hanno anche sostituito con una pratica dentiera. Se queste persone inizieranno a raccontare di tutto, mettendosi in ridicolo e dando opinioni opinabili, allora state guardando il programma che ci interessa.
Di solito il jolly di questi programmi è lo psicologo/criminologo, se facendo zapping ne incontrate uno non cambiate canale!
L'utilità di queste trasmissioni è quella di informarvi su quello che pensa la gente per poi comportarvi di conseguenza, condiscendendola.

-Come seconda regola ricordatevi di non rifuggire giammai i programmi di vero approfondimento ed i TG in generale.
Saranno questi programmi, appunto, che forgeranno il vostro civismo e le vostre più alte opinioni sul popolaccio che vi circonda.
Particolare attenzione dovrete dedicare ai programmi di approfondimento politico. Tuttavia se proprio non siete predisposti a seguire questi snervanti dibattiti, vi forniamo un pratico resoconto dei programmi in questione. Guardandoli vi accorgerete che:
1. Prodi non è altro che un ladro incompetente e che quelli di destra nell'ultima puntata glie ne hanno dette quattro, facendo inoltre una splendida figura;
2. Berlusconi non è altro che un ladro incompetente e che quelli di sinistra nell'ultima puntata glie ne hanno dette quattro, facendo inoltre una splendida figura.
Tenete da conto queste due pratiche frasi e sarete liberi di forgiare il vostro credo politico senza perdere tempo ad ascoltare il primo Floris che passa o al limite (se proprio non trovate di meglio) un Emilio Fede.

-Terzo programma importantissimo per il teledipendente intelligente è il varietà.
Il varietà è un tipo di intrattenimento particolarmente radicato nella cultura italiana. Pensate che è così importante che persino Paolo Conte glie ne dedicò canzone.
Riconoscere il varietà è facile: è quel programma dove ci sono Pippo Baudo e Mike Bongiorno. Se al limite non ci sono loro, troverete altri presentatori più giovani, ma sempre dalle dubbie qualità.
Per fare bella figura, il teledipendente intelligente dovrà sempre commentare il varietà con questa esatta frase "si vabbè, ma sempre le stesse cose...". Il più audace potrà anche aggiungere un laconico "che palle", ma poi se ne dovrà accollare le conseguenze.

-In questo quarto punto dedicheremo un di attenzione alla pubblicità.
La pubblicità non è così pesante come voi potete pensare. Se volete essere veramente dei buoni usufruitori di TV dovrete guardarla, vi piaccia o no.
Il segreto della pubblicità è essenzialmente uno. Ogni tanto potrà capitare di vedere una pubblicità che farà parlare chiunque, e voi potreste essere i primi a vederla per poi fare i fighi con gli amici.
Per riconoscere tali pubblicità esistono due modi:
1. se vedete uno scoiattolo che si libera violentemente di gas intestinali dopo aver masticato un chewing gum, allora voi andrete dai vostri amici e lo direte, dal momento che cose così fanno affascinare le genti per mesi interi;
2. se vedete invece qualche pubblicità creata da uno studio di un architetto famoso che ha disegnato anche il progetto di Andy Warhol, voi andrete a dire a tutti che questa pubblicità è geniale.

- Come quinto ed ultimo punto ci occupiamo dei supporti tecnologici.
Prese queste rudimentali (ma badate fondamentali) basi, ora siete dei principianti usufruitori di televisione sulla buona strada verso la totale padronanza del mezzo.
Quello che vi manca adesso per uscire dalla vostra mediocrità è un supporto adeguato sul quale perorare la vostra attività visiva.
Se avete solo un 14" della Mivar allora buttate via tutto. Non vorrete mica fare la figura del pezzente, vero?
Se non avete sostanziosi fondi vendete pure la vostra auto, o, per i fortunati che possono disporre di questa miniera d'oro deambulante, vendete uno dei vostri bambini. Così facendo potreste finalmente entrare nel fantastico mondo del widescreen dolby surround. Ma soprattutto per loro che hanno venduto i figli per procurarsi il denaro, si apre la strada più luminosa: sarete su tutti i TG del mondo e tutti conosceranno il vostro nome.
Se siete particolarmente abili e saprete sfruttare la situazione fortunata, per voi si apriranno le fatidiche porte di Vespa.

3 commenti:

m1979 ha detto...

Ma lo sai... mi hai fatto venire voglia di accendere la TV!! Con tutte queste cose utili!! ;-)

Neottolemo ha detto...

Se vuoi accendila pure. Basta che poi non la guardi... :)

gfrancescoa ha detto...

spettacolare